Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata

Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata In generale per steroide anabolizzante si intende un farmaco derivante dal testosterone che con opportune click at this page di carattere chimico togliere nandrolone, aggiungere gruppi metilici, modificare legami ecc. Negli uomini uno degli effetti collaterali è rappresentato dalla crescita dei tessuti sessuali. Questa malattia non viene di per se causata dagli androgeni, ma il suo sviluppo ne è accelerato, probabilisticamente alcune cellule maligne che verrebbero sopraffatte dai sistemi di difesa del corpo potrebbero svilupparsi meglio dando luogo al cancro. Per quanto riguarda la crescita di altri organi sessuali detta crescita non riguarda il pene le cui dimensioni non aumentano dopo la pubertà questa risulta essere meno visibile nel maschio adulto rispetto alla donna il soggetto maschio noterà al più un infoltimento della barba e dei peli del corponella donna farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata gli androgeni provocano se il soggetto è predisposto, ad una calvizie di tipo maschile, aumento dei peli, inizio di barba, raucedine ed ingrossamento della voce con effetti praticamente irreversibili. Una volta sospesa la somministrazione di anabolizzanti, i livelli di testosterone prodotti dal corpo rimangono bassi per molto tempo farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata possibilità di disturbi tipo astinenza, svogliatezza e perdita di massa muscolare. Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Medicina e Sport. Cancella il commento Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.

Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata ControindicazioniQuando non dev'essere usato Deca Durabolin Il medico potrà chiederle di effetture degli esami del sangue o alla prostata prima dell'inizio del trattamento, ogni tre Se ha altre malattie già presenti come problemi al cuore, ai reni e al fegato Una fiala da 1 ml contiene 25 mg di nandrolone decanoato. A cura del Dottor Nicola Sacchi - Autore del libro: Farmaci e doping nello sport -. Per chi pensa che qualche anabolizzante non abbia effetti collaterali tuttosommato sicuro, spesso determina l'uso di steroidi anabolizzanti da parte di persone inconsapevoli di che cosa Testosterone Alto e Rischio di Cancro alla Prostata. L'eventuale utilizzo di steroidi anabolizzanti nell'ambito sportivo è tipico degli sessuali, non è nettamente distinguibile da quell'anabolizzante, androgeno ed della prostata, con lievi disturbi nell'urinare, ma soprattutto con rischio di carcinoma. Elevati livelli di farmaci androgeni tendono a “bloccare” le. prostatite Il nandrolone è un farmaco iniettabile, sotto forma di sostanza oleosa, che fa parte del gruppo terapeutico degli androgeni; le sue indicazioni farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata sono il trattamento della sintomatologia nei soggetti maschi con deficit androginico o come trattamento coadiuvante in alcune forme di osteoporosi. Alcuni studi hanno messo in evidenza che la somministrazione di nandrolone potrebbe giovare allo stato di salute dei soggetti affetti da HIV, combattendo la cachessia e il calo ponderale e aumentando la percentuale di massa magra. Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata farmaco viene distribuito in fiale contenenti click at this page o 50 mg di nandrolone decanoato iniettabile per via intramuscolare. Di norma, le somministrazioni dovrebbero essere effettuate, in media, ogni 21 giorni. I dosaggi devono essere definiti dal medico in base alle condizioni di salute del paziente. In caso di comparsa di disordini clinico-biologici o di altro tipo, il trattamento con nandrolone deve essere interrotto. Fra i vari effetti collaterali di un utilizzo del nandrolone si devono ricordare acne, ritenzione idrica, ipertensione arteriosa e mialgia. Il nandrolone provoca o accentua se ereditaria la tendenza al diabete; provoca danni al sistema cardiovascolare, disfunzioni al pancreas; nelle donne la mascolinizzazione è evidente. In quanto agente anabolizzante, il nandrolone è una sostanza dopante e il suo utilizzo al di fuori di prescrizioni mediche effettuate su basi patologiche è proibito dal regolamento antidoping. Deca-Durabolin contiene il principio attivo nandrolone decanoato che appartiene a una classe di medicinali costituiti da ormoni chiamati " steroidi anabolizzanti ". Deca-Durabolin viene usato come trattamento di supporto per le ossa divenute sottili e fragili osteoporosi per l' età avanzata o a seguito di trattamenti medici cause iatrogene. Il medicinale contiene alcol benzilico quindi non deve essere somministrato a bambini di età inferiore a tre anni vedere "Deca-Durabolin contiene olio di arachidi e alcol benzilico". Il medico potrà chiederle di effetture degli esami del sangue o alla prostata prima dell'inizio del trattamento, ogni tre mesi per i primi 12 mesi e successivamente. L'uso improprio di questo medicinale per migliorare la capacità nello sport comporta rischi gravi per la salute e deve essere scoraggiato. impotenza. Sesso anale per la prostata Ho il bisogno di fare pipì molto. operazione al tumore alla prostata. prostata esami 9. 46 cosa vuol dire lyrics. tableau calcul impot 2020. Come si prepara per una prostata mri. Cancro alla prostata b12. Pillola di pomodoro per prostata. Effetti di impotenza della malattia nucleare.

Intervento chirurgico per rimuovere il tumore alla prostata

  • Dolore all inguine che en
  • Prostata aumentata di volume terapia para
  • Creme per aiutare l erezione
  • Cibi benefici per la prostata
  • Prostata aumentata di volume cure 2017
  • Come rendere il marito impotente
  • La gastroparesi può causare dolore pelvico
  • Rmn multiparametrica prostata roma
Conclusa la sua relazione durante il congresso della società americana di urologia, Stacy Loeb - specialista e ricercatrice della New York University con oltre duecento pubblicazioni alle spalle inerenti la più diffusa neoplasia urologica maschile - ha trovato la sintesi più efficace per riassumere le conclusioni di uno studio da lei coordinato. Il rischio di sviluppare un tumore della prostata è identico a quello che corre la farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata generale. Tra i fattori di rischio per la malattia, è dunque destinato a uscire di scena il testosterone. Si sa per certo, per esempio, che il testosterone secreto dalle cellule di Leydig nei testicoli stimola la crescita del tumore della prostata. Ma il ruolo del testosterone esogeno, quello assunto come farmaco, potrebbe non essere identico. Test del Psa: quando serve? La pratica è sconsigliata dagli specialisti per la scarsa conoscenza degli effetti a lungo termine. La finasteride è un farmaco inibitore dell'enzima 5-alfa reduttasi di tipo II, un enzima espresso in diversi tessuti che converte il testosterone nello steroide androgenico più attivo diidrotestosterone DHT. La finasteride è utilizzata per il trattamento dell' ipertrofia prostatica benignadel cancro alla prostata e dell' alopecia androgenetica. In Italia la vendita della molecola è stata autorizzata nel per farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata trattamento dell'ipertrofia prostatica [2] e nel per il trattamento dell'alopecia. La finasteride è stata oggetto in alcuni paesi di fenomeni di disease mongeringcioè la pratica di sponsorizzazione e medicalizzazione di nuove patologie che non rientrano strettamente in questa definizione allo scopo di espandere il bacino di vendita di un prodotto farmaceutico. prostatite. Centro di salute maschile cancro alla prostata pompa per vuoto per carcinoma della prostata. dolore nella zona pelvica sinistra e destra. addome dolorante dopo il sesso. impot comptable montreal. melograno proprietà prostata.

Prima di leggere l'articolo sul - Steroidi Anabolizzanti: Effetti collaterali - accertati di essere a conoscenza degli effetti collaterali e delle ripercussioni legali derivanti dall'utilizzo degli steroidi anabolizzanti regolamentate dalla legge in materia antidoping 14 dicembren. Lo studio in questione, neanche tanto nuovo visto farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata è delè:. Pharmacokinetics and pharmacodynamics of nandrolone esters in oil vehicle: effects of ester, injection site and injection volume. Il dottor Minto e colleghi prendono in esame un campione di soggetti ai quali viene somministrata una dose di mg di nandrolone con due diverse forme di esterificazione fenilpropionato e decanoato. L'esterificazione determina i tempi di rilascio della sostanza, che per divenire attiva dev'essere separata dalla molecola cui è esterificata. Sostanzialmente, la diversa esterficazione determina la differente durata d'azione del farmaco. Dolore lombare gonfiore frequente minzione Inizio la mia collaborazione con questa ottima rivista entrando, spero, nel vivo del problema. Per chiarire meglio: non è che questi argomenti non mi interessino anzi, ho una opinione precisa in merito, ma la decisione di prenderli o meno spetta a ciascuno nel suo intimo. Dal punto di vista chimico, basterà ricordare che per steroidi anabolizzanti si intendono farmaci che derivano dal testosterone con opportune manipolazioni, come togliere nandrolone o aggiungere gruppi metilici es. Nonostante il passare degli anni nessuno purtroppo ha pensato di migliorare questo metodo e i dati a disposizione, veramente pochi, sono già di molti anni fa. Mi spiego meglio: per es. Questo è fondamentale per il culturista: usare alte dosi di un farmaco, anche se poco androgeno, porterà inevitabilmente alla comparsa degli effetti androgeni stessi, mentre quello anabolizzante, avendo raggiunto già il massimo, non aumenterà più. prostatite. Potenti rimedi per la prevenzione del cancro alla prostata Dolore pelvico in spagnolo la caffeina influenza la prostata. agenesia renale e sporting. risonanza magnetica prostata con bobina endorettale roma. come stimolare psicologicamente un uomo con disfunzione erettile. magnetica multiparametrica della prostata a firenze italy. laglio fa male alla prostata guali sono gli effetti collaterali.

farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata

Lo stanozololonoto anche commercialmente come Winstrolè un derivato sintetico del testosterone caratterizzato, rispetto a questo, da here effetti androgeni e da un'azione anabolizzante quattro o cinque volte superiore e per tale motivo, nella pratica terapeuticaviene preferito alle oltre cento molecole derivate dal go here. Lo stanozololo presenta un'alchilazione in posizione C 17 alfa che lo rende idoneo nel trattamento intrarticolare della DJD in quanto lo protegge dall'azione dell' enzima aromatasi. Lo stanozololo viene spesso usato per scopi illeciti doping a dosaggi elevatissimi: nelle palestre si parla di un impiego del dosaggio terapeutico, moltiplicato sino a 15 volte. Questo steroide resta invece, sempre farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata livello nazionale, un farmaco di elezione per determinate patologie in campo veterinario, in cui abbonda una letteratura medica oggettiva, non improntata a giudizi di stampo mediatico-giornalistico, ma a valutazioni di carattere strettamente sanitario. Lo stanozololo determina la stimolazione della sintesi proteica, che si traduce in un'attività trofica a livello dei tessuti, con particolare evidenza a carico della muscolatura scheletrica il cui aumento di massa si associa ad un bilancio azotato positivo. Il meccanismo d'azione di questi composti è legato anche alla loro affinità con i recettori per gli androgeni, proteine specifiche, situate nel citoplasma o nel nucleo, che modulano i meccanismi enzimatici della sintesi proteica. Lo stanozololo aumenta la concentrazione intracellulare di 2,3-bifosfoglicerato negli eritrociti con incremento del rilascio tissutale di ossigeno. Per quanto riguarda l'apparato scheletrico, questa molecola stimola la proliferazione di osteoblasti, la produzione della matrice ossea e la sintesi di fattori di crescita; mentre l'azione antagonista verso il paratormone e l'interleukina IL-1, dimostrata anche in vitro, previene l'effetto degenerativo sulla componente minerale. In particolare lo stanozololo incrementa la produzione del collagene e di altre sostanze fondamentali di natura proteica della matrice cartilaginea, stimolando il trofismo del tessuto cartilagineo. Recenti ricerche cliniche di istologia e biologia molecolare hanno portato all'identificazione dello stanozololo quale unico agente terapeutico nel trattamento del collasso tracheale di origine disendocrina del cane. La misurazione della concentrazione dei nitriti nel liquido sinoviale, prima e dopo somministrazione di stanozololo, ha dimostrato farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata potente effetto antinfiammatorio del farmaco.

Il blocco totale delle gonadotropine avviene già a dosi di circa mg alla settimana di testosterone. Questo vale, ancora di più, per altri prodotti 5-alfa ridotti poco androgeni oxandrolone, primobolan.

Nella donna il calo delle gonadotropine porta farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata possibilità di amenorrea e di interferenze pesanti con la produzione di estrogeni da cui riduzione delle mammelle e dei depositi di grasso femminili sulle cosce, ecc.

Aumento della produzione di sebo pelle unta con conseguente comparsa di acne; questo in entrambi i sessi. Questo è naturalmente dovuto al blocco delle gonadotropine stimolanti la produzione di questi ormoni da parte della componente androgena dei farmaci.

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità.

Vertigini mal di testa affaticamento minzione frequente

C Paziente dopo sei settimane di terapia antibiotica antisettica si notino gli esiti cicatriziali permanenti. Fonte: Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata.

La ginecomastia, termine medico indicante l'abnorme crescita di tessuto mammario nell'uomo immagine a latoè un altro effetto collaterale macroscopico degli steroidi anabolizzanti.

Se non affrontata tempestivamente con una terapia farmacologica opportuna, tale condizione risulta pressoché irreversibile; l'unica valida soluzione è rappresentata da un intervento chirurgico specifico. Nei soggetti geneticamente predisposti, l'alopecia androgenetica "caduta dei capelli e l'eccessiva crescita della peluria corporea rappresentano ulteriori effetti macroscopici indesiderati di queste sostanze.

farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata

Tra gli altri effetti collaterali degli steroidi anabolizzanti, si ricordano: ipertensione, infertilità temporanea negli uomini, atrofia rimpicciolimento dei testicoli, ipertricosi e virilismo nella donna, crescita dei peli e dei caratteri sessuali maschilialterazioni mestruali, gravi anomalie dello sviluppo fetale se assunti durante la gravidanzablocco della crescita se assunti durante l'adolescenzadisfunzioni epatiche, aumento del rischio cardiovascolare, aumento dell'aggressività e degli sfoghi di rabbia fino a veri propri quadri di psicosi e dipendenza fisica in caso di utilizzo farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata pensieri ed atteggiamenti omicidi durante l'assunzione, pensieri ed atteggiamenti suicidiari durante l'astinenza.

Quando viene interrotto il trattamento con Deca-Durabolin, i disturbi che si sono manifestati prima del trattamento possono presentarsi nuovamente nel giro di poche settimane. Se ha qualsiasi dubbio sull'uso di questo medicinale, si rivolga al medico, al farmacista o all'infermiere.

Gli effetti indesiderati possono non scomparire rapidamente con la sospensione di Deca-Durabolin, a causa della sua classe di appartenenza. Le soluzioni iniettabili in genere possono causare una reazione locale nel sito di iniezione. A seconda della dose, della frequenza farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata del periodo totale di somministrazione di Deca-Durabolin possono manifestarsi i seguenti effetti indesiderati:.

Nei bambini prima dello sviluppo sessuale di età prepubere che usano Deca-Durabolin sono stati segnalati i seguenti effetti indesiderati:. Se si manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico, al farmacista o all'infermiere.

Non refrigerare o congelare. Conservare nella confezione originale e tenere il contenitore nell'imballaggio esterno. Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola dopo "Scad. Learn more here data di scadenza si riferisce all'ultimo giorno di quel mese.

Mancanza di erezione website philippines

Non getti alcun medicinale nell' acqua di scarico e nei rifiuti read article. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata l'ambiente. Contenuto pubblicato a Gennaio Le informazioni presenti possono non risultare essere aggiornate. Disclaimer e informazioni utili. Trattamento di supporto dell' osteoporosi senile o iatrogena. In generale ogni 3 settimane un'iniezione da 25 mg; nei casi gravi possono essere somministrati 50 mg ogni 3 settimane da praticarsi profondamente per via intramuscolare.

La durata del trattamento dipende dalla risposta clinica e dalla click insorgenza di effetti collaterali. Deca-Durabolin deve essere somministrato con iniezione intramuscolare profonda. Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6. Antiossidanti, ferro, vitamina B12 e omega-3 possono aumentare il rischio di recidiva nelle donne in cura per un tumore al seno.

Parlare sempre con il medico prima di prendere un integratore. Il vaccino è ancora più efficace se somministrato in due dosi. La domanda di un lettore dopo il farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata sugli effetti sulla salute delle onde elettromagnetiche emesse dai cellulari.

La risposta dell'esperto Alessandro Polichetti. E' un nuovo virus e si tramette da persona a persona. Meno aggressivo della Sars, ora l'obbiettivo è il monitoraggio e il contenimento. Tutto quello che c'è da sapere sul nCoV. I risultati di una ricerca australiana.

Alcuni studi hanno messo in evidenza che la somministrazione di nandrolone potrebbe giovare allo stato di salute dei soggetti affetti da HIV, combattendo la cachessia e il calo ponderale e aumentando la percentuale di massa magra. Il farmaco viene distribuito in fiale contenenti 25 o 50 mg di nandrolone decanoato iniettabile per via intramuscolare. Questa malattia non viene di per se causata dagli androgeni, ma il suo sviluppo ne è accelerato, probabilisticamente alcune cellule maligne che verrebbero sopraffatte dai sistemi di difesa del corpo potrebbero svilupparsi meglio dando luogo al cancro.

In presenza di stanozololo, il Testosterone e i suoi esteri, non sono convertiti in Estradiolo dalla aromatasi. La persistenza dello stanozololo nell'articolazione, la sua stabilità persistenza nel liquido sinoviale di 7 giorniil prevalere locale duraturo degli androgeni a scapito degli estrogeni sono alla base degli effetti osservati con la somministrazione di questo principio attivo.

La persistente attività androgena dello stanozololo ripristina stabilmente l'equilibrio ormonale dell'ambiente intrarticolare, click favore degli Androgeni, eliminando una causa predisponente dell'infiammazione e della degenerazione cartilaginea. Anche a seguito di somministrazioni ripetute a dosaggi nettamente superiori a quelli richiesti di norma dalle finalità cliniche lo stanozololo si dimostra in grado di esplicare effetti tossici soprattutto a carico del fegato.

Tali effetti sono destinati a non suscitare preoccupazioni nel caso generale della sua somministrazione orale, intramuscolare ed intrarticolare a dosaggi terapeutici. Non esistono in letteratura dati e osservazioni circa un'azione teratogena dello stanozololo. I riscontri effettuati al proposito possono ritenersi più che sufficienti per escludere una prerogativa in questo senso della molecola in oggetto.

I dati acquisiti in questo senso nel ratto sembrano escludere tale attività anche dopo somministrazioni prolungate di p.

Conclusa la sua relazione durante il congresso della società americana di farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata, Stacy Loeb - specialista e ricercatrice della New York University con oltre duecento pubblicazioni alle spalle inerenti la più diffusa neoplasia urologica maschile - ha trovato la sintesi più efficace per riassumere le conclusioni di uno studio da lei coordinato. Il rischio di sviluppare un tumore della prostata è identico a quello che corre la popolazione generale.

Tra i fattori di rischio per la malattia, è dunque destinato a uscire di scena il testosterone. Si sa per certo, per esempio, che il testosterone secreto dalle cellule di Leydig nei testicoli stimola la crescita del tumore della prostata. Ma il ruolo del testosterone esogeno, quello assunto come farmaco, potrebbe non essere identico. Test del Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata quando serve?

Anticolinergici e disfunzione erettile

La pratica è sconsigliata dagli specialisti per la scarsa conoscenza degli effetti a lungo termine. Nello studio presentato da Loeb sono stati arruolati poco più di duecentocinquantamila uomini svedesi farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata da ipogonadismo.

Nel lungo termine, invece, gli uomini inseriti nel primo gruppo non correvano un rischio più alto di malattia. Gli effetti del testosterone sulla salute sono stati al centro di diverse presentazioni.

Un altro studio, condotto tra la Germania e gli Stati Unitiha confermato le stesse indicazioni, su un campione ridotto di pazienti ma per un arco di tempo più lungo otto anni. Di conseguenza sempre meglio affidarsi a uno stretto controllo https://taste.thinkerlife.fun/2020-06-22-1.phpanche nel corso della terapia.

Quanto alle ripercussioni sulla prostata, gli uomini possono stare più tranquilli. Non è il testosterone ad aumentare il rischio di ammalarsi di tumore.

Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata

Giornalista professionista, lavora come redattore per la Fondazione Umberto Veronesi dal Messe alle spalle alcune esperienze radiotelevisive, attualmente collabora anche con diverse testate nazionali ed è membro dell' Unione Giornalisti Italiani Scientifici Ugis. Si va da porzioni giornaliere milllitri per latte e farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata a settimanali di formaggio fresco grammi o stagionato 50 grammi alla settimana.

Diverse le possibili concause. Michela Masetti studia il ruolo dei macrofagi coinvolti in questo processo. Ma c'è una possibilità per ridurne la portata. I risultati di uno studio britannico sulle etichette alimentari. La minaccia dei super-patogeni cresce, c'è urgente bisogno di nuovi antibiotici. Ma Big Pharma arretra e la ricerca non farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata al passo. L'analisi dell'OMS e le strategie contro la farmaco-resistenza.

Antiossidanti, ferro, vitamina B12 e omega-3 possono aumentare il rischio di recidiva nelle donne in cura per un tumore al seno. Parlare sempre con il medico prima di prendere un integratore. Il vaccino è ancora più efficace se somministrato in link dosi.

Seduto troppo a lungo può causare prostatite

La domanda di un lettore dopo il dibattito sugli effetti sulla salute delle onde elettromagnetiche emesse dai cellulari. La risposta dell'esperto Alessandro Polichetti. E' un nuovo virus e si tramette da persona a persona. Meno aggressivo della Sars, ora l'obbiettivo è il monitoraggio e il contenimento.

Urostomia prostatica ingrossata

Tutto quello che c'è da sapere sul nCoV. I risultati di una ricerca australiana. Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata tumori del pancreas richiedono nuove strategie terapeutiche per migliorare la prognosi. Il consumo frequente di peperoncino riduce il rischio di morte per cause cardiovascolari. I dati di uno studio sostenuto anche da Fondazione Veronesi. Diversi studi segnalano effetti delle polveri sottili e dello smog sul rischio di here e sulla prognosi di pazienti con tumore al seno.

Dati non conclusivi ma le persone fragili vanno protette dall'inquinamento. Sei in : Magazine Oncologia Col testosterone nessun rischio in più per la prostata.

Agenesia del seno frontale sxsw

Quest'anno sostieni la ricerca sui tumori pediatrici Dona ora. Share on facebook Share farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata google-plus Share on twitter.

Tag: terapia ormonale sostitutiva estrogeni tumore della prostata testosterone ipogonadismo deprivazione androgenica funzionalità sessuale. Se si assume testosterone rimane fondamentale uno stretto controllo medico.

Latte e derivati : quanti ne possiamo consumare? Si va da porzioni giornaliere milllitri per latte e yogurt a settimanali di formaggio fresco grammi o stagionato 50 grammi alla settimana Tumore della prostata: casi in aumento tra gli uomini più giovani?

Biopsia prostata 2 13 cores 3

Michela Masetti studia il ruolo dei macrofagi coinvolti in questo processo La prostatectomia rischia di far diventare impotente? Ma c'è una possibilità per ridurne la portata I risultati di uno studio britannico sulle etichette alimentari Resistenza agli antibiotici: la ricerca è in ritardo Farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata minaccia dei super-patogeni cresce, c'è urgente bisogno di nuovi antibiotici.

L'analisi dell'OMS e le strategie contro la farmaco-resistenza Tumore al seno: attenzione agli integratori durante le terapie Antiossidanti, ferro, vitamina B12 e omega-3 possono aumentare il rischio di recidiva nelle donne in cura per un tumore al seno. Parlare sempre con il medico prima di prendere un integratore Il vaccino è ancora più efficace se somministrato in due dosi Le radiazioni dello smartwatch possono fare male alla salute?

Click here risposta dell'esperto Alessandro Polichetti Coronavirus dalla Cina: l'infezione si trasmette da uomo a uomo E' un nuovo farmaco anabolizzante che non da problemi di prostata e si tramette da persona a persona.

Tutto quello che c'è da sapere sul nCoV I risultati di una ricerca australiana Virus oncolitici come arma selettiva contro il tumore del pancreas I tumori del pancreas richiedono nuove strategie terapeutiche per migliorare la prognosi. I benefici del peperoncino per la salute di cuore e cervello Il consumo frequente di peperoncino riduce il rischio di morte per cause cardiovascolari. I dati di uno studio sostenuto anche da Fondazione Veronesi Polveri sottili e tumore al seno: c'è un nesso?

Dati non conclusivi ma le persone fragili vanno protette dall'inquinamento